Corsi di mosaico per bambini e adulti

Dopo un anno di scuola a Spilimbergo quest’estate per la prima volta ho preso il ruolo dell’insegnante. Com’è stata questa esperienza? Dopo 2 mesi di corsi che ho dato a bambini e adulti da Babylon Mosaic è tempo di un breve calcolo.

Era strano all’inizio, insegnare mosaico ad altri dopo un’anno di studi alla scuola di mosaico. Ero così abituata di ottenere istruzioni dai insegnanti e migliorare la mia stessa manualità. E ‘stato quindi necessario entrare in empatia con gli studenti. O meglio domandarmi:

Quali difficoltà ho avuto all’inizio per quanto riguarda i materiali, gli strumenti, la manualità?
Quali suggerimenti sono stati utili per migliorare?
A cosa ho dovuto prestare particolare attenzione?

Preparata con risposte a tutte queste domande mi sono buttata a dare corsi per principianti sul mosaico romano. E devo dire che in pochissime ore di pratica con martellina e marmo (12 per essere precisa) i miei allievi hanno creato dei ottimi risultati.

I bambini chiaramente lavorano con le pinze a mosaico per tagliare il vetro e decorare piccoli oggetti con il loro mosaico. Una scatola di legno, per esempio, o uno specchio. Anche se ci sono alcune regole, naturalmente, nessuno sarà costretto a seguire dei andamenti :-). Al contrario, incoraggiamo i bambini a provare. La ricchezza di forme e combinazioni di materiali e colori è sorprendente ed estremamente gratificante.

L’orgoglio negli occhi

L’insegnamento richiede molto tatto. Motivare, sostenere, migliorare senza intervenire molto: Ogni studente è unico – proprio come il suo modo di lavorare e le sue esigenze. La cosa bella è: si ottiene un sacco in cambio. Vedere l’entusiasmo degli studenti quando scelgono e osservano il materiale, quando usano la martellina per la prima volta. Vedere l’orgoglio nei loro occhi quando valutano il risultato finale del loro lavoro. Le tante idee e gli approcci diversi: tutto ciò è semplicemente bello.

Di istinto e aspettative

Quello che mi affascina di più è il modo diverso in cui gli studenti si lanciano sui loro progetti. A 6 anni, un bambino per scegliere i colori e andare avanti con il suo mosaico segue semplicemente il suo istinto. A 12 anni già esita, si guarda intorno: cosa fanno gli altri? È corretto come faccio? Infine, un’adulto invece si blocca se ha troppe aspettative su se stesso e taglio o posa non funzionano subito come desidera. Soddisfare le diverse aspettative degli studente e portargli a grandi risultati è una sfida che mi piace molto.

Written By
More from miriam

Biennale Venezia: Domingo Zapata con mosaici di KOKO Mosaico

L'artista di fama mondiale collabora con il team ravennate.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *