Britta Kuth

In un primo momento volevo solo prendere una classe con lei. Poi ho avuto l’idea di introdurre l’artista qui. Quando Britta Kuth ha saputo del mio progetto di blog, era solo in fiamme. Così ci siamo incontrate spontaneamente a prendere un caffè. Qui è il mio primo articolo “A tu per tu con…”.

Britta Kuth scoprì la sua passione per l’arte del mosaico durante lo studio di storia dell’arte.

“Sono rimasta affascinata dal mosaico quando vedevo le opere di artisti dei classici moderni come Chagall e Braque e così ho iniziato a fare mosaici.”

Il primo progetto è stato “Polterherzen”, piccoli ricordi per giovani sposi. Oggi produce lavori a commissione, partecipa a progetti di beneficenza come il Butterfly Project e gode di ottenere ispirazione sui viaggi. Le sue opere sono esposte in numerose collettive e mostre personali, come attualmente nella mostra Grenzeloos – Grenzenlos.

Britta Kuth che è diplomata in arte storica vive con la sua famiglia a Bergisch Gladbach vicino a Colonia. E colma il divario tra teoria e pratica: Oltre al suo lavoro come artista del mosaico, è una scrittrice freelance e da lezioni sull’arte del mosaico storico e contemporaneo.

Attualmente Britta ama soprattutto lavorare in tecnica mista. “Per lo più ho notato solo dopo un po ‘di lavoro, dove mi porta il viaggio. Così è stato con queste opere. Alla fine, ho capito che mettono in riflessione il vecchio e il nuovo – sia attraverso l’uso di vari materiali, nonché sul livello del contenuto.”

In “Tradition”, progettato per il progetto francese “Rondeurs et Fées Mères” sulla nascita e gravidanza, “il vecchio” è la citazione di un rito: “Sia popoli primitivi e popoli sofisticati seguono la tradizione di regalare gioielli per la nascita”, dice l’artista. Lei stessa ha regalato l’anello alla sua figlia, Marie Jeanne, quando è nata.

Tradition
“Tradizione” (2011), 17 × 24 cm, vetro, oro, Millefiori su acciaio inox e metallo arrugginito
© Britta Kuth

Smalti brillianti e metallo contrastano con un petalo in metallo che è completamente arrugginito.

“Il progetto comprende opere provenienti da vari media artistici come l’arte del mosaico, fotografia e poesia. Tutti riflettono il punto di vista storico-culturale, i cambiamenti di maternità.”

Il progetto interdisciplinare è stato avviato da un artista plastico, un fotografo, un poeta e uno storico dell’arte. Mosaicisti internazionali erano stati chiamati a contribuire con il loro lavoro. Lavori selezionati apparsero insieme con le opere dei fondatori in un libro di foto che è disponibile qui.

Un’altra opera delle sue serie “Mixed Media” è venuto dopo l’azionamento famoso artista nella Death Valley, in California. I colori cangianti delle pareti rocciose che circondano a 15 chilometri di strada nel deserto brillare in rosso, arancio, bei colori giallo, verde e altri.

 

Artist Drive
L’originale: Il famoso Artist Drive nella Death Valley, in California
© Allie Caulfield
Artist Drive, Britta Kuth
Il lavoro di Britta Kuth: Artist Drive (2011), 66x11x6 cm, smalti, oro, vetro, su legno fondo © Britta Kuth

L’originale deve la sua bellezza ai depositi minerali originali di ossidi e di rame, che si svolge meglio nel sole di sera.

“I colori dei Smalti utilizzati da me derivano dalla famosa ditta berlinese Puhl & Wagner, che purtroppo è stata chiusa nel 1969.” È stato un piacere, dice, di organizzare i toni cangianti sul fondo legno della Death Valley. “Ci sono voluti più di due anni prima di utilizzargli per un oggetto che era degno di usare questi bei smalti vecchi.”

Anche mobili di design e le tendenze interne si riflettono nel lavoro dell’artista. “The Swan” dalla serie “Living in a Box” cita una delle sedie più famose di Arne Jacobsen nel 1958.

 

The Swan, Britta Kuth
“The Swan” (2011), 30x21x6, 5 cm, smalti, Millefiori in un cassetto scartato 
© Britta Kuth

Il motivo è incorporato in un arredamento moderno che ospita gli elementi del designer inglese Tricia Guild. “Il lavoro è l’inizio di una serie di mosaici classici e di vita.” La cassetta di legno si riferisce al vecchio in un nuovo scenario. Lo spettatore diventa un vagabondo attraverso i secoli, mentre l’opera stessa assembla frammenti di epoche diverse in un tutto nuovo.

Ai miei occhi, è solo quello che rende i lavori di Britta così unici: raccontano storie personali che sempre riflettono alcune delle loro impressioni dalla sua vista di storico dell’arte.

Per maggiori informazioni
sito web di Britta Kuth 

Written By
More from miriam

Premiazione G.A.E.M.

87 iscrizioni, 12 finalisti. Ieri la premiazione dei due vincitori.
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *